DETTAGLIO BRANDS - TORNA ALL'ELENCO BRANDS >

philippe model limited
Nel 1981 il designer Philippe Model dà vita alla griffe che porta il suo nome e le cui produzioni stanno vivendo un successo in continua crescita. Prima di fondare la sua label, lo stilista è stato modellista della Maison Riva Marchesi per poi giungere alla celebre Madame Paulette.
La sua passione per il disegno di accessori inizia infatti da giovane, quando disegna cappelli da autodidatta. La prima proposta di moda della sua griffe è infatti legata alla produzione di cappellini e trova entusiasti alleati in designer come Mugler, Gaultier, Miyake e Montana. Allo stesso tempo lancia una sua linea di guanti, borse e scarpe.
 
La produzione di Philippe Model  si è oggi indirizzata solo sulle calzature. L’intuizione dello stilista è stata illuminante per il futuro della griffe.  Le sneakers  infatti vengono oggi considerate come l’enunciazione più evidente della propria personalità e del proprio stile di vita, contribuendo a raccontare la storia di chi le indossa. Sulla base di questa riflessione Model ha creato delle collezioni dallo stile particolare, tutte apparentemente usurate. Come i jeans, anche le scarpe vogliono raccontare un vissuto. 
 
La popolarità delle calzature Philippe Model è legata al gusto ricercato dei modelli e al tratto artigianale che distingue il prodotto. Tutta la produzione avviene ad opera di un’azienda della Riviera del Brenta (nota zona di produzione calzaturiera di qualità). La spazzolatura delle tomaie viene curata scarpa per scarpa, e la suola è assemblata manualmente.
Il progetto Philippe Model non è frutto della sola maestria dello stesso Model, ma nasce dal confronto artistico con Paolo Gambato, noto designer italiano.
Il risultato è un mix creativo che fonde il guizzo passionale italiano al gusto bonton francese.